giovedì, 18 Aprile, 2024
HomeAttualitàIl Comitato diritto alla Cura scende a scioperare insieme ai lavoratori

Il Comitato diritto alla Cura scende a scioperare insieme ai lavoratori

Allo sciopero del 12 ottobre della riabilitazione in tutta la provincia di Salerno ci sarà anche il Comitato diritto alla Cura.

Lo sciopero ha lo scopo di “salvare la riabilitazione” e tra i punti della mobilitazione c’è il “no” all’improvviso cambio dei parametri adottati dall’ Asl per stabilire il personale delle strutture che fanno riabilitazione.

In merito si è espressa la portavoce del Comitato Annarita Ruggiero:

«Ci saremo eccome perché siamo indignati per ciò che sta accadendo nella ASL».

Continua spiegando:

«Di nuovo si ignorano i disabili psichici gravi, di nuovo si vorrebbe abbandonarli a sé stessi, condannarli a restare senza cure. Non è possibile, ora basta. Dietro quello che sembra un fatto burocratico c’è la distruzione della riabilitazione per i malati che soffrono di patologie psichiche neurologiche e sensoriali. Per la ASL è come se non esistessero, cancellati di colpo. Perché con questa logica assurda – aggiunge – dopo dieci anni si vorrebbe imporre di colpo alle strutture che curano persone con disabilità psichiche il personale che serve alle strutture per i malati fisici. È come imporre a una divisione di cardiologia dei ginecologi. Si scassa tutto. Non c’è neanche, e sarebbe comunque vergognoso, la scusa economica visto che le tariffe sono le stesse. 
Siamo stufi di chi considera solo la riabilitazione fisica e ignora i malati psichici lasciandoli senza cure. Per questo abbiamo proposto una legge che ora sta facendo il suo corso in Regione. E questa è un’altra assurdità. Mentre va avanti la legge per garantire il diritto alla cura di questi malati, la ASL vorrebbe smantellare pure quello che già c’è. No, no e mille volte no. Per questo il 12 ottobre saremo con i lavoratori che scioperano. E saremo sempre ovunque per difendere il diritto alla cura di chi soffre non per un femore rotto ma per malattie gravi, spesso congenite, che hanno bisogno di intelligenza e umanità, non di cieca mala burocrazia
».

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI