mercoledì, 29 Maggio, 2024
HomeCampaniaLe città dell'Agro, un legame senza tempo

Le città dell’Agro, un legame senza tempo

Le città dell’Agro: un legame senza tempo. Storie di Santi e tradizioniPoc Campania 2014-2020.

Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Pagani, Sarno e Roccapiemonte sono i cinque comuni uniti per la promozione e valorizzazione del territorio.

Come? Tramite l’arte, la cultura, la musica, il folklore e l’enogastronomia.

Il progetto è stato presentato questa mattina, nell’aula consiliare del comune di Nocera Inferiore, e prevede una rassegna di eventi e percorsi turistici-culturali, naturalistici ed enogastronomici per la promozione turistica della Campania.

In particolare è promosso nell’ambito del POC Campania 2014-2020 e e mette al centro il patrimonio archeologico, ambientale, culturale, esperienziale ed enogastronomico: il viaggio comincerà l’8 dicembre, alle 10:00, a Pagani, con il concerto della Banda Musicale A. Carrera, che partirà dal Santuario della Madonna del Carmelo e arriverà alla Basilica di Sant’Alfonso Maria De’ Liguori.

Il 9 e 10 dicembre, ore 21:00, a Piazza Diaz e Piazza Del Corso, si terranno le Notti bianche, con serate di musica, storia e tradizione accompagnate dalla musica dei gruppi musicali Soul Six, Non solo Gospel e Orchestra Ruah.

A seguire, il 13 dicembre, a Pagani, alle 18:00, il convegno “Madonna delle Galline e
Sant’Alfonso autore di Tu scendi dalle stelle: turismo, tradizione e folklore
“, al Teatro Auditorium.

Dal 19 al 21 dicembre, in Piazza 5 Maggio a Sarno, ore 20:00, la musica farà da protagonista con concerti Ritmi Incrociati di Tammorari, Ugo Maiorano e workshop.

A chiudere, lo stesso 21 dicembre, ore 20:00, alla Basilica di Sant’Alfonso, il
concerto dei Canti Alfonsiani Padre Paolo Saturno.

«Il Programma Operativo Complementare della Regione Campania offre una straordinaria opportunità ai nostri Comuni di promozione e consolidamento dell’attrattività regionale. Promuovere programmi in cooperazione con altri enti significa rafforzare l’immagine turistico-culturale della Campania, sia a livello nazionale che internazionale, valorizzando la storia e la cultura dei territori per creare itinerari turistici appetibili. Nocera Inferiore ha tanto da raccontare e da proporre ai cittadini e ai visitatori», ha affermato il sindaco di Nocera Inferiore Paolo De Maio.

Alle sue parole sono seguite quelle del vicesindaco di Nocera Inferiore, con delega agli Eventi, Umberto Iannotti: «Abbiamo lavorato sinergicamente per presentare una proposta di valore alle nostre città. Con una lunga storia alle spalle le comunità dell’Agro hanno un grande potenziale di attrazione turistica»

Anche il sindaco di Pagani Raffaele Maria De Prisco si è espresso a riguardo: «Anche quest’anno abbiamo voluto promuovere al meglio la nostra città durante il Natale mettendo in risalto la ricchezza culturale e religiosa del nostro territorio, attraverso la valorizzazione delle sue radici, dei suoi luoghi d’interesse, della sua storia. Il legame che partendo da Sant’Alfonso arriva alla festa di Santa Maria del Carmelo, detta delle Galline, passa anche per le festività del Natale, tanto care al nostro Santo, esaltate in preghiera attraverso i suoi canti famosi nel mondo».

«Sono molto soddisfatta di essere riuscita a dare un grosso contributo nel traghettare questo progetto, partorito durante l’estate 2021, attraverso non poche difficoltà, fino al punto conclusivo. Il progetto ha avuto come priorità quella di far conoscere le cinque città coinvolte, per le loro peculiari bellezze, attraverso il delicato filo conduttore dei riti e delle tradizioni. L’intesa con tutti i colleghi assessori ha reso la realizzazione ancora più motivante ed entusiasmante. Sono certa che le differenti iniziative, oggetto del programma artistico, sono e saranno tutte molto apprezzate nell’ambito di un programma culturale che non si distacca mai dall’identità di ciascuna delle città interessate», ha dichiarato la vicesindaca e assessora alla Cultura di Pagani Valentina Oliva.

«Le città dell’Agro. Un legame senza tempo” rappresenta un evento importante nello scenario culturale del nostro territorio, culla di storia, di arte, di tradizioni. La promozione del territorio attraverso eventi che esaltano le peculiarità di percorsi caratteristici di identità legate dal sottile filo del bello è prerogativa del nostro impegno. Il turismo fondato sui percorsi religiosi e sulle vie del gusto, ampiamente sviluppato sui luoghi della nostra Città, attraverso manifestazioni in diversi periodi dell’anno, è lo strumento forte di conoscenza e di legami che esaltano le qualità e le potenzialità dei nostri territori e propongono all’attenzione una varietà di ricerca e una ampia possibilità di scelta» ha commentato l’assessore al Turismo di Sarno Antonio D’Angelo.

A seguire, il sindaco di Nocera Superiore Giovanni Maria Cuofano ha aggiunto: «Attraverso il POC continua il nostro percorso di promozione del patrimonio archeologico esistente e del brand Nuceria che rappresenta il marchio di fabbrica di un processo identitario che stiamo costruendo con il contributo della cittadinanza attiva e delle associazioni».

«Si dice spesso che dentro la botte piccola si nasconde il vino migliore. Ecco, Roccapiemonte è una piccola comunità, ma riesce a regalare tanti sorsi di storia, con angoli da vivere e visitare, con tradizioni mai sopite, con eventi, religiosi e non, che richiamano l’attenzione dei propri cittadini e dei tanti che ci onorano della loro presenza. A Roccapiemonte celebriamo i riti religiosi al Santuario di Santa Maria di Loreto, con annessa processione per le strade della montagna, onoriamo il patrono San Giovanni Battista, c’è la festa dell’Immacolata, quella di S.Anna, abbiamo la FeraNova, insieme a Nocera Superiore c’è il corteo per la Festa del Majo, inoltre non mancano gli appuntamenti con la musica, ci apriamo all’Europa, con gli studenti del Liceo Rescigno, presentiamo libri alla presenza di autori locali ed internazionali. Non è semplice attrarre il pubblico oggigiorno, ecco perché è importante creare sinergie e collaborazioni con gli enti a noi vicini territorialmente. Perché da soli è difficile poter parlare di turismo, di sicuro possiamo far parte di quel gruppo di comuni che, con le sue bellezze, come il Monte Solano, possono strizzare l’occhio ad un turismo sicuramente di nicchia, ma certamente di qualità» hanno dichiarato congiuntamente il sindaco di Roccapiemonte Carmine Pagano e l’assessora alla Cultura, Annabella Ferrentino.

Non resta che andare a scoprire la “Campania Divina“, tra eventi enogastronomici,
concerti musicali, convegni, arte, cultura e commercio.

Un legame senza tempo da vivere nel mese di dicembre 2022.

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI