venerdì, 28 Gennaio, 2022
Home Attualità Green Pass Obbligatorio Nel Lavoro

Green Pass Obbligatorio Nel Lavoro

Il Consiglio dei Ministri lo scorso giovedì 16 settembre 2021, su proposta del Presidente Mario Draghi, del Ministro della salute Roberto Speranza, del Ministro per la pubblica amministrazione Renato Brunetta, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali Andrea Orlando e del Ministro della giustizia Marta Cartabia, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening. Sono tenuti a essere in possesso del Certificato Verde il personale delle Amministrazioni pubbliche, personale di Autorità indipendenti, Consob, Covip, Banca d’Italia, enti pubblici economici e organi di rilevanza costituzionale. Il vincolo vale anche per i titolari di cariche elettive o di cariche istituzionali di vertice. Inoltre l’obbligo è esteso ai soggetti, anche esterni, che svolgono a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o formativa presso le pubbliche amministrazioni ed è richiesto anche per accedere ai luoghi di lavoro delle strutture prima elencate. Nel settore privato tutti i deipendenti a qualsiasi titolo e personale esterno che vi abbia contatti. Sono obbligati ai controlli gli stessi datori di lavoro a dover verificare il rispetto delle prescrizioni. Entro il 15 ottobre devono definire le modalità per l’organizzazione delle verifiche. I controlli saranno effettuati preferibilmente all’accesso ai luoghi di lavoro e, nel caso, anche a campione. I datori di lavoro inoltre individuano i soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle eventuali violazioni. Il personale che ha l’obbligo del Green Pass, se comunica di non averlo o ne risulti privo al momento dell’accesso al luogo di lavoro, è considerato assente ingiustificato fino alla presentazione della Certificazione Verde; dopo cinque giorni di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso. La retribuzione non è dovuta dal primo giorno di assenza. Non ci sono conseguenze disciplinari e si mantiene il diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per coloro che sono colti senza la Certificazione sul luogo di lavoro è prevista la sanzione pecuniaria da 600 a 1500 euro e restano ferme le conseguenze disciplinari previste dai diversi ordinamenti di appartenenza.

Dott.  Andrea Perrino

Commercialista con studio in Angri

Tributarista – Revisore Legale dei Conti

Revisore degli Enti Locali

Docente formazione professionale

Giornalista Pubblicista

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI

Lucia Vuolo su imminente giudizio della commissione disciplinare Ordine dei Medici di Salerno nei confronti del dott. Torre: «Sono con lui».

«Lo dico senza mezzi termini: io sono con Gerardo Torre», così Lucia Vuolo, europarlamentare PPE / Forza Italia sull’imminente giudizio della commissione...

Roccapiemonte: una città sempre più “Amianto Free”, partendo dalle scuole

Inizia a diventare realtà l'obiettivo dell'amministrazione Pagano di regalare ai cittadini di Roccapiemonte delle scuole "Amianto Free". Il progetto...

San Valentino Torio: iniziano i lavori sulla SP 102

"Andiamo avanti grazie alla sinergia Comune e Provincia per migliorare la sicurezza e l' arredo urbano di tutte le strade provinciali del...

Cava de’ Tirreni: da oggi segnalazioni anonime per l’abbandono illecito di rifiuti

Il comando della Polizia Municipale ha affidato alla società di videosorveglianza ambientale Elettrosecuruty Srl, il monitoraggio H24 dei siti maggiormente segnalati per l’abbandono...