giovedì, 17 Giugno, 2021
Home Attualità Decreto Sostegni Bis: a chi spetta il contributo a fondo perduto

Decreto Sostegni Bis: a chi spetta il contributo a fondo perduto

Il Decreto Sostegni BIS prevede nuovi contributi a fondo perduto per partite IVA e professionisti. Ne hanno diritto anche coloro che hanno beneficiato dei contributi a fondo perduto introdotti dal decreto sostegni D.L. 41/2021. Il D.L. n. 73 del 25 maggio 2021 entrato in vigore il giorno successivo 26 maggio, introduce nuove agevolazioni per imprese e professionisti. Si tratta di un pacchetto di benefici che comprende diversi contributi a fondo perduto. É più articolato rispetto al decreto sostegni n. 41/2021, per allargare la platea dei beneficiari e fornire un ristoro più in linea con i danni economici effettivamente subiti dai destinatari. La nuova misura si articola su 3 componenti: • il rinnovo del bonus partite IVA e professionisti a favore di coloro che hanno subito un calo del fatturato almeno del 30% tra il 2019 e il 2020; • un contributo basato sul calo medio mensile del fatturato nel periodo compreso tra il primo aprile 2020 e il 31 marzo 2021; • un contributo perequativo, basato sul peggioramento del risultato economico d’esercizio e che tiene conto dei ristori e sostegni già percepiti nel 2020 e nel 2021. Possono farne richiesta i soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività d’impresa, arte o professione, enti non commerciali e del terzo settore, senza limitazione del settore o vincolo di classificazione dell’attività commerciale. Vediamo, in dettaglio, quali sono i nuovi contributi e i relativi requisti. Contributo a fondo perduto a favore di tutti i soggetti già beneficiari del bonus partite IVA e professionisti previsto dal decreto sostegni n. 41/2021. Ne hanno diritto i soggetti in possesso di partita IVA attiva alla data del 26 maggio 2021. L’importo é identico a quello già riconosciuto con il decreto sostegno ed è concesso in automatico (quindi non bisogna fare domanda) e nelle stesse modalità scelte con la precedente domanda. Dunque viene accreditato sul conto corrente bancario o postale sul quale è stato erogato il precedente contributo, o è riconosciuto sotto forma di credito d’imposta. Contributo a fondo perduto a favore dei soggetti che svolgono attività d’impresa, arte o professione o che producono reddito agrario. L’aiuto spetta ai soggetti titolari di reddito agrario e ai soggetti con ricavi fino a 10 milioni di euro nel 2019 in possesso dei seguenti requisti:• partita IVA attiva alla data del 26 maggio 2021; • essere residenti o stabiliti in Italia; • ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi nel periodo dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020. L’importo massimo é di 150.000 euro e viene determinato applicando una percentuale alla differenza del calo fatturato come segue: 90% per i soggetti con ricavi e compensi fino a 100.000 euro; 70% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro; 50% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 400.000 euro e fino a 1.000.000 di euro; 40% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 1.000.000 di euro e fino a 5.000.000 milioni di euro; 30% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 5.000.000 di euro e fino a 10.000.000 di euro. Questo contributo è alternativo al rinnovo del bonus patite IVA e professionisti. I beneficiari di quest’ultimo possono ottenere il nuovo contributo solo se quest’ultimo ha un valore maggiore di quello già fruito e solo per la differenza di importo. In questo caso il contributo è calcolato applicando una percentuale alla differenza di fatturato calcolata nello stesso periodo come segue: 60% per i soggetti con ricavi e compensi fino a 100 mila euro; 50% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 100 mila euro e fino a 400 mila euro; 40% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 400 mila euro e fino a 1 milione di euro; 30% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro; 20% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro. Il beneficio è corrisposto esclusivamente sotto forma di credito d’imposta. I soggetti interessati che non hanno beneficiato del fondo perduto previsto dal decreto n. 41/2021 dovranno presentare domanda in via telematica all’Agenzia delle entrate, secondo le modalità ed entro la scadenza che saranno indicati attraverso un apposito provvedimento che sarà pubblicato in seguito. Contributo a fondo perduto a favore di tutti i soggetti che svolgono attività d’impresa, arte o professione o che producono reddito agrario, che hanno subito un peggioramento del risultato economico d’esercizio tra il 2019 e il 2020. Spetta ai soggetti titolari di reddito agrario e ai soggetti con ricavi fino a 10 milioni di euro nel 2019 che possiedono i seguenti requisiti: • partita IVA attiva alla data del 26 maggio 2021; • residenza o essere stabiliti in Italia; • peggioramento del risultato economico nell’esercizio 2020 rispetto al 2019 in misura pari o superiore alla percentuale che sarà definita con apposito decreto del Ministro dell’economia e delle finanze. L’importo massimo é di 150.000 euro e si calcola applicando la percentuale che sarà definita con decreto dal Ministro dell’economia e delle finanze alla differenza del risultato economico 2020 rispetto al 2019  al netto dei contributi a fondo perduto già ottenuti nel 2020 e 2021. Sarà erogato dall’Agenzia delle entrate sotto forma di credito d’imposta. Per ottenerlo bisogna presentare apposita domanda online, attraverso la procedura che sarà attivata dall’Agenzia delle entrate entro trenta giorni. L’istanza potrà essere trasmessa solo se la dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2020 sarà presentata entro il 10 settembre 2021 in luogo del 30 novembre.

Dott.  AndreaPerrino

Commercialista con studio in Angri

Tributarista – Revisore Legale dei Conti

Revisore degli Enti Locali

Docente formazione professionale

Giornalista Pubblicista

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI

Nocera Inferiore, Assunzione di 6 agenti di Polizia Municipale, lunedì in Consiglio il giuramento

Prima dell’ inizio dei lavori del Consiglio Comunale di lunedì 21 Giugno, alle ore 9.30 presso l’Aula consiliare del Comune di Nocera...

Cava Dei Tirreni, l’amministrazione di Bus Italia visita il nuovo terminal

Cava Dei Tirreni. Domani giovedì 17 giugno, alle ore 9.00, l’Amministratore di Bus Italia in Campania, Antonio Barbarino, farà visita al nuovo...

Coldiretti Campania, Mozzarella prodotto più taroccato. Loffreda: «Difendere l’immagine del nostro oro bianco con la qualità»

«La scritta mozzarella – denuncia Salvatore Loffreda, direttore di Coldiretti Campania – campeggia a caratteri cubitali e cirillici sulle confezioni in commercio...

Autostrade, Conte (LeU): subito lavori svincolo di Eboli e nuova uscita in zona industriale

«Dare rapida attuazione all’adeguamento dello svincolo di Eboli dell’Autostrada del Mediterraneo, per garantire fluidità alla circolazione urbana, da tempo in emergenza, e...