giovedì, 17 Giugno, 2021
Home Attualità I sindaci dell'agro e della valle metelliana chiedono un Hub per la...

I sindaci dell’agro e della valle metelliana chiedono un Hub per la somministrazione di anticorpi monoclonali antiCovid

Attraverso una nota congiunta, i Sindaci dell’Agro sarnese-nocerino e della Valle Metelliana, hanno chiesto al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e al Direttore Generale dell’ASL Salerno Mario Iervolino, di costituire, presso l’Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore o nell’ambito delle strutture che fanno parte dello stesso DEA, un HUB per la somministrazione ai malati degli anticorpi monoclonali antiCovid, secondo il protocollo approvato dall’AIFA.

Di seguito il testo della missiva:

“I sottoscritti dott. Giuseppe Canfora in qualità di Sindaco del Comune di Sarno, dott. Cosimo Ferraioli in qualità di Sindaco del Comune di Angri, avv. Paola Lanzara in qualità di Sindaco del Comune di Castel San Giorgio, dott. Antonio La Mura in qualità di Sindaco ff. Comune di Sant’Egidio del Monte Albino, dott. Giorgio Marchese in qualità di Sindaco del Comune di Siano, dott. Carmine Pagano in qualità di Sindaco del Comune di Roccapiemonte, dott. Pietro Pentangelo in qualità di Sindaco del Comune di Corbara, dott.Vincenzo Servalli in qualità di Sindaco del Comune di Cava dei Tirreni, Ing. Michele Strianese in qualità di Sindaco del Comune di San Valentino Torio, Avv. Manlio Torquato in qualità di Sindaco del Comune di Nocera Inferiore, avv. Carmela Zuottolo, in qualità di Sindaco del Comune di San Marzano sul Sarno, Antonio Rescigno in qualità di Sindaco di Bracigliano, avv. Giovanni Maria Cuofano in qualità di Sindaco del Comune di Nocera Superiore, avv. Raffaele Maria De Prisco in qualità di Sindaco del Comune di Pagani, dott. Cristoforo Salvati in qualità di Sindaco del Comune di Scafati, esprimono la loro preoccupazione perché nell’attuale momento, il più impegnativo della terza ondata di pandemia, ci sono problemi notevoli per i ricoveri e per le attese di ricovero. Uno dei problemi principali è ottimizzare le cure al fine di ridurre i tempi di ricovero, e così poter assistere in modo ottimale il maggior numero di malati. A tal fine, chiediamo che venga presa in considerazione la nostra proposta di costituire, presso l’ospedale Umberto I° di Nocera Inferiore o nell’ambito delle strutture che fanno parte dello stesso DEA, un HUB per la somministrazione ai malati degli anticorpi monoclonali anti-Covid 19, secondo il protocollo approvato dall’AIFA, in modo simile a quanto fatto dall’ASL Napoli 3 nell’Ospedale di Boscotrecase. Ciò provocherebbe una riduzione delle degenze per i casi di media gravità e una riduzione dei casi che poi si aggravano e hanno bisogno di terapie intensiva. Gli anticorpi monoclonali, secondo l’uso appuravo dall’AIFA, sono una valida alternativa terapeutica che potrebbe snellire i ricoveri e far diminuire i costi sia in termini economici che di vite umane per la gestione pandemica”.

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI

Nocera Inferiore, Assunzione di 6 agenti di Polizia Municipale, lunedì in Consiglio il giuramento

Prima dell’ inizio dei lavori del Consiglio Comunale di lunedì 21 Giugno, alle ore 9.30 presso l’Aula consiliare del Comune di Nocera...

Cava Dei Tirreni, l’amministrazione di Bus Italia visita il nuovo terminal

Cava Dei Tirreni. Domani giovedì 17 giugno, alle ore 9.00, l’Amministratore di Bus Italia in Campania, Antonio Barbarino, farà visita al nuovo...

Coldiretti Campania, Mozzarella prodotto più taroccato. Loffreda: «Difendere l’immagine del nostro oro bianco con la qualità»

«La scritta mozzarella – denuncia Salvatore Loffreda, direttore di Coldiretti Campania – campeggia a caratteri cubitali e cirillici sulle confezioni in commercio...

Autostrade, Conte (LeU): subito lavori svincolo di Eboli e nuova uscita in zona industriale

«Dare rapida attuazione all’adeguamento dello svincolo di Eboli dell’Autostrada del Mediterraneo, per garantire fluidità alla circolazione urbana, da tempo in emergenza, e...