lunedì, 1 Marzo, 2021
Home Attualità Campania nuovamente in zona Arancione. Ecco cosa cambia

Campania nuovamente in zona Arancione. Ecco cosa cambia

Da ieri la Campania è tornata in zona Arancione e questo ha comportato nuovamente dei cambiamenti.

Ma cosa si può fare e cosa, invece, non è più consentito? Di seguito vi riportiamo le nuove direttive che la zona arancione ci impone di rispettare:

Cosa cambia

Non è più consentito sposarsi dal proprio comune di residenza se non per comprovate esigenze lavorative o di salute. Per i comuni sotto i 5 mila abitanti sarà possibile spostarsi entro i 30 km da esso.

Nuovamente vietata la somministrazione al bancone e ai tavolini delle attività di ristorazione (bar, pizzerie e ristoranti). Resta, tuttavia, la consegna a domicilio senza limiti di orario.

Dalle ore 5 alle ore 18 è consentita a la vendita per asporto. Dopo le ore 18 fino alle 22 resta consentita la vendita per asporto solo nelle attività di ristorazione diverse da quelle contrassegnate dai codici Ateco 56.3 (bar senza cucina) e 47.25 (vendita specializzata di bevande). Per queste due ultime categorie la vendita da asporto termina alle ore 18.

Restano chiusi solo nei festivi e prefestivi i box non alimentari (tranne fiorai e librai) dei mercati in muratura. Restano aperti dalle ore 5 alle ore 22 tutti i negozi commerciali e artigianali in sede fissa di qualunque tipologia mercelogica.

Cosa non cambia

Rimane in essere il coprifuoco dalle ore 22 alle ore 5 del mattino seguente, tranne che per comprovate esigenze lavorative o di salute.

Continua la chiusura di cinema, teatri, parchi di divertimento, palestre, piscine, sale da ballo, discoteche, sale giochi e sale slot. Chiudono anche durante i giorni feriali i musei, gli istituti e i luoghi di cultura, ad esclusione di biblioteche e archivi.

Ancora vietate fiere e sagre di qualunque tipologia, mentre i centri commerciali restano aperti nei feriali, dalle 5 alle 22. Nei festivi e prefestivi, invece, al loro interno restano aperti solo i punti vendita di alimentari, farmacie, parafarmacie, edicole, tabaccai, fiorai e librerie.

Rimango aperti, dalle ore 5 alle ore 22, anche tutti i servizi alla persona e animali domestici (parrucchieri, barbieri, lavanderie, centri estetici, tolettature per animali, etc.) e i posteggi e i box dei mercati su strada e in sede propria.

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI

Maiori, Costa d’Amalfi: nuova ordinanza contro il Covid

Il primo cittadino, Antonio Capone, ha firmato oggi, 26 febbraio, l’ordinanza n°96 con oggetto l’adozione di ulteriori misure di prevenzione per il...

Pagani: nuovi pagamenti fitti Covid 19

Al via nuova la nuova tranche di pagamenti per il contributo Fitti legge 431/98 della Regione Campania. In liquidazione...

Frana ad Amalfi: sopralluogo del consigliere regionale Cammarano e della senatrice Gaudiano

“A tre settimane esatte dalla frana del 2 febbraio scorso in Costiera Amalfitana, i lavori per la messa in sicurezza sulla Statale...

Penisola Sorrentina: Coordinamento Turismo Unito chiede a Regione e Governo di salvare la stagione

“Nessuno si salva da solo: Regione Campania e Governo diano segnali forti per salvare la stagione 2021": questa la richiesta del neonato...