mercoledì, 2 Dicembre, 2020
Home Attualità Sciopero multiservizi: contratto nazionale scaduto da 7 anni, massiccia mobilitazione

Sciopero multiservizi: contratto nazionale scaduto da 7 anni, massiccia mobilitazione

Massiccia la partecipazione allo sciopero per il contratto nazionale delle imprese di pulizia, servizi integrati e multiservizi scaduto da oltre 7 anni. La mobilitazione, promossa in tutta Italia con presidi, sit-in e manifestazioni nel rispetto nelle misure anti Covid, ha registrato una media di adesione superiore al 80%, con punte del 100% in alcune realtà industriali e di impresa al netto dei lavoratori precettati, così come nelle scuole e negli uffici pubblici. Alta partecipazione anche nelle attività essenziali in sanità e negli ospedali, dove, con grande senso di responsabilità i lavoratori hanno assicurato le prestazioni indispensabili, in ottemperanza alla normativa vigente, pur condividendo le motivazioni dello sciopero.

La protesta, indetta dai sindacati di categoria da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti, accende i riflettori sulla vertenza che coinvolge complessivamente oltre 600mila addetti, il 70% donne con salari esigui, orari spesso ridotti, carichi di lavoro pesanti e condizioni di lavoro difficili in molte realtà.

Le tre sigle stigmatizzano l’atteggiamento dilatorio delle associazioni imprenditoriali di settore – Anip Confindustria, Confcooperative Lavoro e servizi, Legacoop Produzione e Servizi, Unionservizi Confapi e Agci Servizi – che mettono in discussione diritti e tutele dei lavoratori del settore e la definizione di un aumento salariale congruo e dignitoso, senza dare ancora riscontro concreto alle sollecitazioni volte a concludere positivamente e in tempi brevi il percorso di rinnovo del contratto nazionale di lavoro.

Dai presidi di oggi le tante lavoratrici e lavoratori in sciopero rivendicano il rinnovo del contratto nazionale per vedere riconosciuto il valore del loro lavoro. I sindacati chiedono con forza un’assunzione di responsabilità da parte delle imprese in mancanza della quale continueranno le iniziative di mobilitazione e lotta.

Anche a Salerno l’iniziativa è stata molto sentita dai lavoratori grazie pure all’impegno della segreteria provinciale della Fisascat Cisl.

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI

Scuole in Campania: il Consigliere Regionale Cirillo chiede il ritorno il classe

“La scuola deve tornare ad essere palestra di vita per i nostri ragazzi e per la futura classe dirigente del Paese”, lo...

Scafati: il sindaco Salvati parla dei prossimi provvedimenti e rassicura i concittadini

Il primo cittadino di Scafati, Cristoforo Salvati, annuncia i provvedimenti per contrastare il contagio da Coronavirus in vista del Natale e risponde...

Polo Oncologico di Pagani: la storia (bella) di Arturo

“Ancora una volta il Polo Oncologico di Pagani si è contraddistinto per l’offerta di un trattamento innovativo immunoterapico, efficace e ben tollerato,...

Carcere e Covid: per i detenuti campani una doppia reclusione

Su 2008 detenuti presso il carcere di Poggioreale, risultano ad oggi 42 i positivi al Covid 19, per un totale di tamponi...