lunedì, 10 Maggio, 2021
Home Attualità Covid19 in Europa - Verifica e sanzione dei produttori di dispositivi di...

Covid19 in Europa – Verifica e sanzione dei produttori di dispositivi di protezione individuale non idonei. Dalla Commissione scarsa tutela dei cittadini. Vuolo: “Un’ulteriore occasione mancata per essere al fianco dei cittadini”

La qualità dei dispositivi di protezione individuale è di esclusiva pertinenza nazionale. Questo è quanto emerge dalla risposta fornita dalla Commissione Europea all’interrogazione parlamentare dello scorso 8 aprile 2020 che ha visto come prima firmataria Lucia Vuolo, europarlamentare del Gruppo ID/Lega. Nella richiesta formulata, in piena emergenza Coronavirus, l’europarlamentare salernitana poneva due questioni: una relativa all’acquisto e all’uso di dispositivi di protezione individuale non idonei e l’altra relativa alla creazione di una “ban list” di aziende anche extra Ue.
L’obiettivo, oltre alla tutela della salute di 500 milioni di europei, era e resta di evitare la deroga delle linee guida nazionali che hanno permesso l’acquisto di mascherine, camici o guanti monouso non idonei prodotte da aziende spesso sconosciute o da multinazionali senza scrupoli.
In tal senso la risposta della Commissione Europea è arrivata dopo tre mesi.

«La sorveglianza e la vigilanza del mercato sui dispositivi medici e di protezione nell’Ue rientrano nella sfera di responsabilità delle autorità competenti degli Stati membri – scrive una rappresentante dell’esecutivo Von Der Leyen – le autorità di vigilanza del mercato devono effettuare controlli e adottare misure adeguate nei confronti dei prodotti che non rispettano i requisiti della legislazione dell’Ue. L’elenco dei prodotti pericolosi è pubblicato sul sito web dedicato al sistema “Safety Gate” della Commissione».


In pratica, la responsabilità sulle deroghe o sull’uso di vari fornitori spetta ai singoli Stati. Questo nonostante sull’esecutivo europeo ricada il coordinamento della regolamentazione dei dispositivi di protezione individuale. Scopriamo poi che questo ruolo non è vincolante.

«Sappiamo che esiste una lista dei prodotti non conformi – commenta l’europarlamentare Lucia Vuolo – ma nello specifico non ho registrato alcuna risposta sui dispositivi di protezione individuale e “ban list” la cui responsabilità di errori ricade in testa ai singoli Stati. Insomma – aggiunge l’eurodeputata campana – continueremo a vedere camici che si sfilacciano e mascherine di cui non sappiamo nulla».


Per la Vuolo sarebbe stato utile creare un reale coordinamento mettendo a conoscenza di tutti, non solo novità derivanti dalla ricerca sul vaccino del Covid-19, ma anche di aziende, europee e non, che possano averci lucrato.

«Penso che la tutela degli europei passi anche dal dover condividere ogni singola esperienza del Covid-19. Tutti dovrebbero conoscere i comportamenti scorretti di un’azienda o la pessima qualità dei prodotti per stanare i furbastri da ogni angolo del vecchio Continente».

BaseNews24https://www.basenews24.it/
Redazione della testata giornalista dell'emittente Radio Base.
- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI

Pagani, il Pegaso abbassa le saracinesche in segno di protesta

Il Centro Commerciale Pegaso aderisce alla protesta nazionale, in programma martedì prossimo, 11 maggio, alle 11.00, promossa dalle associazioni del commercio, ANCD-Conad,...

Regione Campania, Bonus Fitti 2029: question time del Consigliere M5S Cirillo

Il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Luigi Cirillo, ha interpellato la Giunta presieduta da Vincenzo De Luca, in merito al Bonus...

Capaccio Paestum: accordo con RFI per nuovo parcheggio alla stazione di Capaccio Scalo

La giunta comunale, presieduta dal sindaco Franco Alfieri, ha approvato la proposta contrattuale con Rete Ferroviaria Italiana per la concessione di una...

PNRR per la provincia di Salerno: la Ministra Carfagna e l’On. Casciello ne discutono con Confindustria

Come annunciato, questa mattina Confindustria Salerno ha ospitato la Ministra per il Sud e la coesione territoriale, Mara Carfagna, e il Consigliere...