Attualità Campania Europa Italia Politica salerno

“Intelligenza politica per dare slancio alla Campania”: Clemente Mastella in diretta a Radio Base. E sul centrodestra: “La guida di Salvini è una distonia”

di Barbara Landi

«“Noi campani” è un’idea unitaria della Regione Campania, di una dimensione che consideri i problemi e i bisogni delle aree interne senza alcun contrasto antagonistico con le aree costiere. Credo che questa volta il governatore De Luca Dovrà lasciare un’impronta nel soddisfare i bisogni campani, e ridare dignità, recuperando il gap con il nord del paese. Dovremo mostrare la stessa capacità dei reazione al coronavirus, in anticipo sui fatti e sulle regioni. Vivere con maggiore intelligenza politica, frantumando tutte le resistenza che ci sono per dare uno slancio alla Campania che è una delle regioni più interessanti dell’Europa ».

In diretta in #PrimoPiano a Radio Base Clemente Mastella, sindaco di Benevento, già Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale con il governo Berlusconi e ministro della giustizia durante il governo Prodi. Una lunga carriera politica ed oggi ancora una volta in campo per la Regione Campania verso Campania 2020, in sostegno dal governatore De Luca, con il movimento “Noi Campani”.

Traccia alcune delle linee guida già sottoposte ai vertici regionali: aree interne, borghi, seconde case, restyling edilizia popolare, scuole private ad oggi a rischio default.

“In campania in questo periodo di emergenza abbiamo dato prova di grande coraggio. Chi governa, chi amministra deve passare dall’amministrazione urgente all’angoscia nel vedere tante aziende ancora chiuse, o che fanno fatica a stare in piedi. Ora occorre utilizzare le risorse per l’impresa, le attività agricole, ristorazione o attività di natura economica”.

E in futuro incentivare l’internazionalizzazione già esistente delle attività produttive. “Altre aspetto il piano innovativo dell’agricoltura, la digitalizzazione. Purtroppo senza infrastrutture che mancano ancora, senza aeroporti collaudati come Salerno, si fa fatica. Realizzare queste condizioni è ciò a cui dobbiamo puntare”.

E sui competitor aggiunge: “Il centrodestra, fin quando c’era Berlusconi a traino, aveva un rilievo diverso anche in ambito europeo. Con la guida di Salvini, per me diventa una distonia rispetto a tutto ciò che ho sempre pensato della politica. Il Pd oggi è al governo con i 5 Stelle, la Lega è uscita alle elezioni del 2018 con un antagonismo politico rispetto ai 5 Stelle poi ci ha fatto il governo. Dov’è la moralità? Siamo tutti morali e tutti immorali. E’ cambiato lo stile modalità della vita. Io sono un uomo di centro e porto avanti le mie idee. Dove mi siedo conservo le mie stesse opinioni. Invece gli altri fanno finti di essere moralisti”.

Ascolta l’intervista integrale realizzata da Barbara Landi:

RIPRODUZIONE RISERVATA