Attualità Campania scafati

Covid 19: Scafati Arancione scrive al sindaco Salvati

Questa mattina, attraverso una pec, il segretario del gruppo “Scafati Arancione” ha protocollato una missiva indirizzata al sindaco di Scafati.

Di seguito il testo della lettera:

“L’emergenza Covid 19 sta mettendo in ginocchio il mondo intero ed in particolare l’Italia, che, con i suoi circa 60.000 contagiati e 6.000 deceduti, rappresenta, insieme alla Cina, uno dei Paesi più colpiti dal “nuovo” coronavirus.

Dal nord al sud della penisola, la pandemia sta richiedendo uno sforzo immenso da parte delle Istituzioni, nonché da parte dei cittadini che, letteralmente, da circa un mese sono barricati in casa in attesa di conoscere il loro futuro.

Anche a Scafati l’emergenza è protagonista indiscussa di questa inedita fase che siamo chiamati ad affrontare e, ormai da qualche giorno, l’Ospedale “Mauro Scarlato” è tornato a svolgere un ruolo di primaria importanza sul territorio, con la sua “conversione” in Covid Hospital.

Ebbene, ferma restando l’importanza che il nosocomio scafatese riveste in questa emergenza, sono ancora troppi i dubbi e le preoccupazioni che attanagliano la popolazione cittadina, soprattutto alla luce delle recenti indiscrezioni emerse dalla stampa locale.

In particolare, parte della comunità medica scafatese, a mezzo stampa, ha espresso le sue perplessità circa l’organizzazione interna della struttura sanitaria, la quale, a seguito della richiamata “conversione”, non sarebbe stata attrezzata in maniera adeguata al fine preposto, ovvero senza prevedere un percorso riservato ai malati di Covid 19 provenienti dal reparto malattie infettive del nosocomio di Nocera Inferiore.

Ed ancora, sempre stando alle notizie diffuse a mezzo stampa, sarebbe altissima la preoccupazione dei sanitari impegnati all’interno della struttura, circa la possibile diffusione del virus, in quanto gli stessi lamenterebbero una grave carenza di dotazioni mediche (camici, mascherine, ecc), con inevitabili, nonché gravissime, ripercussioni che ciò potrebbe avere in termini di contagio.

La paura che si sta diffondendo nel nostro territorio, dunque, è quella che l’Ospedale Mauro Scarlato, da luogo di cura e di speranza, possa trasformarsi in un pericolosissimo focolaio, dopo anni di già grave depotenziamento (si pensi alla chiusura del Pronto Soccorso): insomma, oltre al danno, anche la beffa.

E’ chiaro che, sul punto, sia necessario svolgere una ricognizione, da parte della Autorità competenti, al fine di chiarire, una volta per tutte, quali siano effettivamente le criticità (ove ve ne fossero) nella gestione dell’emergenza Covid 19 presso l’Ospedale “Mauro Scarlato” e quali possano essere le eventuali misure volte alla messa in sicurezza della struttura, dei medici e del personale che vi lavorano, nonché dei pazienti.

Per questa ragione, Scafati Arancione

CHIEDE

al Sindaco della Città di Scafati, dott. Cristoforo Salvati, nella sua qualità di autorità sanitaria locale, nonché in ogni altra qualità attribuitagli dalla legge:

·         di procedere ad una dettagliata ricognizione circa l’idoneità delle misure di contenimento adottate dall’ASL competente, presso l’Ospedale” Mauro Scarlato” di Scafati, per la gestione dell’emergenza Covid 19, con riferimento alla struttura, al personale medico e amministrativo, nonché ai pazienti;

·         all’esito, di provvedere ad adottare ogni ulteriore misura idonea di sua competenza volta al contenimento della pandemia di cui si discute, previa ampia ed esaustiva comunicazione alla cittadinanza;

·         di relazionare, periodicamente, la cittadinanza circa le evoluzioni del contagio sul territorio scafatese, al fine di limitare la diffusione di eventuali “fake news”.

Con ossequi.                                           Il Segretario di Scafati Arancione