giovedì, 18 Aprile, 2024
HomeAttualitàCoronavirus, De Luca sospende il concorso per i Centri per l'Impiego. Ordinanze...

Coronavirus, De Luca sospende il concorso per i Centri per l’Impiego. Ordinanze restrittive e quarantena per chi proviene dalle zone rosse. I dati del contagio, aumenta la diffusione

di Barbara Landi

Sospeso momentaneamente il concorso per 641 unità nei Centri per l’Impiego (Cpi) della Campania. Ad ufficializzare il blocco della prova concorsuale è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Una misura precauzionale, quella del rinvio. Il governatore rassicura sull’altro concorso Ripam per la Pubblica Amministrazione, le cui prove scritte si sono già concluse pochi giorni fa.

“Sono state svolte 2 prove per 1.547 partecipanti, di cui 5 provenienti dal Nord ma non da zone rosse – sottolinea il presidente De Luca, soffermandosi sul concorso per il Cpi –  Abbiamo svolto tutto in una sala separata per i provenienti dal Nord, dopo aver misurato a tutti la temperatura corporea. È stata garantita la presenza di infermieri per tutto il tempo. Dunque il primo concorso è stato svolto, il secondo invece, per ragioni prudenziali riteniamo, di doverlo rinviare per dare tranquillità a tutti quanti”.

Quarantena per chi arriva dalle zone rosse

In mattinata la Regione Campania è intervenuta, inoltre, con un’ordinanza, a firma di De Luca, che dispone l’obbligo di isolamento domiciliare per 14 giorni con divieto di contatti sociali per le persone rientrate in Campania dalla zona rossa definita nel decreto del Presidente del Consiglio dell’8 marzo 2020, ovvero dalla zona rossa definita da Palazzo Chigi (quindi da Lombardia e province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Verbano-Cusio- Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia).

Predisposta quindi la quarantena per chi, nella notte precedente, essendo venuto a conoscenza della bozza del decreto del consiglio dei ministri, ha preso d’assalto stazioni, autobus e treni per dirigersi dal nord al sud, creando enormi disagi all’arrivo dell’intercity notte 797 sia a Napoli che a Salerno, o per gli autobus a lunga percorrenza.  Autostrade, ferrovie italiane e compagnie aeree dovranno mettere a disposizione i dati e i nominativi di chi si sposta sia in aereo che in alta velocità che in auto.

Intanto De Luca dichiara di essere pronti a chiudere bar, locali, pub, contro le posizioni degli “irresponsabili”. “Sabato notte – insiste De Luca – i baretti della zona della movida a Napoli e i centri storici delle principali città campane erano gremiti di ragazzi ammassati l’uno sull’altro. Non guarderemo in faccia a nessuno, se continua così

Emergenza sanitaria

Dai vertici della Regione sottolineano una carenza di 1600 unità di personale tra medici, infermieri, operatori socio sanitari. “Servono anestesisti, infettivologi, pneumologi, specialisti di medicina interna, farmacia, nefrologi, medici di pronto soccorso. Partiremo – sostiene De Luca – con contratti a tempo determinato con medici impegnati in quelle scuole di specializzazione”. Si lavora per lo scorrimento graduatorie, anche per gli infermieri. “Ci muoviamo con poteri commissariali – aggiunge il governatore – che ci sono stati assegnati, ma ci sono dubbi interpretativi se possiamo procedere da subito o serve un passaggio prima con il Ministero. Noi andiamo avanti senza altri passaggi”. All’orizzonte anche il raddoppio dei posti letto in terapia intensiva, dagli attuali 320 a 500 aggiuntivi.

Coronavirus: aggiornamenti sulle iniziative assunte dalla Regione Campania

? #CORONAVIRUS: tutto quello che si sta facendo ha l’obiettivo di ridurre i contagi e il numero di pazienti ospedalizzati. In questo modo, possiamo gestire al meglio la situazione.L’aggiornamento del presidente Vincenzo De Luca.

Posted by Regione Campania on Sunday, 8 March 2020
Il focus del governatore De Luca sulle iniziative della Regione Campania per ridurre il contagio: “Sviluppiamo una prevenzione di massa per controllare il fenomeno coronavirus, per evitare ospedalizzazione dei pazienti. In caso contrario, avremo una situazione drammatica”

I numeri del contagio in Campania

L’Unità di Crisi della Protezione civile della Regione Campania comunica che nella mattinata di oggi sono stati esaminati 68 tamponi presso il centro di riferimento dell’ospedale Cotugno. Di questi 12 sono risultati positivi. Come per tutti gli altri, si attende la conferma ufficiale da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. Totale positivi in Campania: 101 (dato aggiornato alle ore 16.30 dell’8 marzo 2020)

Dal Viminale è scontro con i governatori del Sud

Il ministro dell’Interno sta predisponendo una direttiva indirizzata a tutti i Prefetti “per dare attuazione uniforme e coordinata alle disposizioni varate dal consiglio dei ministri con DPCM dell’8 marzo per contenere la diffusione del coronavirus che investono profili di ordine e sicurezza pubblica”. Pertanto, “ferma restando l’autonomia di ciascun Ente nelle materie di competenza nei limiti della legislazione vigente – si legge nella direttiva –  non risultano coerenti con il quadro normativo le ordinanze delle Regioni contenenti direttive ai Prefetti, che, in quanto Autorita’ provinciale di Pubblica Sicurezza, rispondono unicamente all’Autorita’ Nazionale”

Cresce in Italia il numero dei contagiati

In conferenza stampa dal Dipartimento di Protezione Civile Nazionale, il commissario Angelo Borrelli presenta i numeri del contagio.

Sono 366, 133 in più di ieri, i morti legati al coronavirus in Italia.

622 le persone guarite dal coronavirus in Italia, 33 in più di ieri

6.387 i malati per coronavirus in Italia, con un incremento di 1.326 persone rispetto a ieri, e 366 i morti, 133 in più

Bollettino

Casi attuali: 6.387 (+ 1.326 oggi)

Morti: 366 (+ 133 oggi)

Guariti: 622 (+ 33 oggi)

Totale casi: 7.375 (+ 1.492, +25,4%)

L`Italia, con 366 vittime, è il secondo Paese per numero di morti legati al coronavirus dopo la Cina, che ne registra circa 3.000. A seguire ci sono Iran (194) e Corea del Sud (50), secondo i dati della Johns Hopkins University. Quanto a numero di contagiati, secondo gli stessi dati, l`Italia è al quarto posto dopo Cina, Corea del Sud e Iran

BaseNews24
BaseNews24https://www.basenews24.it/
Redazione della testata giornalista dell'emittente Radio Base.
- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI