martedì, 23 Aprile, 2024
HomeCampaniaNO AUMENTO IVA PER RICETTIVITA' E RISTORAZIONE

NO AUMENTO IVA PER RICETTIVITA’ E RISTORAZIONE

Aumento  selettivo Iva per alberghi e ristoranti con sconti non chiariti per le transazioni con carte di credito/ Agostino Ingenito (Otei): “Il Governo tassi piuttosto  i portali online di prenotazione e recuperi Iva da pseudo transazioni Vat che spesso non garantiscono equità per gli operatori imprenditoriali rispetto ai non professionali, oltre che ormai inderogabile ridurre commissioni per utilizzo carte di credito con un concreto abbattimento per i micropagamenti.  Evasione si combatte con incentivi e detassazioni.  No all’aumento di Iva dal 10% al 23% , una sciagura per alberghi e ristoranti, il ministro Gualtieri e le forze di maggioranza comprendano che la rimodulazione pure ridimensionata in queste ore al 12%  e pseudo rimborsi non chiariti, può solo determinare una flessione ulteriore di un settore quello  turistico ricettivo e food che garantiscono  posti di lavoro ed opportunità tra i pochi settori in Italia.  “Va ripristinato piuttosto il tax credit, bloccato nella scorsa finanziaria, per il recupero funzionale e per la sicurezza di migliaia di strutture ricettive, ed esteso a patrimoni immobiliari di centri storici e borghi per garantire ospitalità diffusa oltre che ridurre il costo del lavoro per gli addetti della filiera – continua il coordinatore nazionale extralberghiero – Il turismo non può essere la cenerentola e il limone da spremere, sulle imprese del settore gravano centinaia di adempimenti fiscali e tasse, e i conti non tornano per molti stagionali, auspichiamo che il Governo piuttosto condivida un piano nazionale che punti invece ad un rafforzamento di servizi di accoglienza e qualità dell’offerta”. 

BaseNews24
BaseNews24https://www.basenews24.it/
Redazione della testata giornalista dell'emittente Radio Base.
- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI